In Afghanistan ci sono stato

In Afghanistan ci sono stato nel 1978, quando invasioni e guerre sanguinose erano ancora lontane a venire.
Ne ho percorso le città, immobili in un tempo quasi medioevale, separate da paesaggi duri, aspri, che esplodevano improvvisamente in piane verdeggianti.
Come i volti corrugati degli uomini che l’abitavano; l’avevano stampata in volto la fiera geografia di quei luoghi: increspature aride che si arrendevano a lussureggianti distese di sorrisi. Una stregoneria. La stessa, forse, che aveva catturato Alighiero Boetti…

Da allora nessun ritorno, tranne che con la memoria.

Finché un giorno, sentendo parlare di una piccola comunità afghana a Torino, ho pensato di incontrarla e di rendere omaggio a quel paese e al suo popolo.

Aziz e figlio Sami

Ogni scatto di questo mio nuovo progetto fotografico è la sintesi di una storia.
Senza falsa retorica, ho provato a raccontarne un viaggio inverso al mio.
La fatica dell’accettazione, il timore della diversità, il persistere della propria invisibilità: è tutto scritto sulla pelle di volti e mani che ho voluto ritrarre nell’atto della loro inossidabile, necessaria operosità.
Mani forti e competenti, mani precise o delicate, mani screpolate o protettive, mani per custodire un nuovo nato, il primo torinese di genitori afghani…

Un piccolo contributo in immagini per far emergere una realtà che pochissimi conoscono e mettere in luce la loro presenza con tutti i sacrifici che ciò ha comportato e comporta tuttora.

 

 

 

 

 

 

 

Claudio Cravero

 

Clicca qui per leggere altri articoli della sezione Storie

SHARE
Articolo precedenteBike & Camp
Articolo successivoCon i suoi occhi