Fammi strada

Alessandro Altomonte, Motociclismo All TravelersUn viaggio in moto alla scoperta dell’Italia, dalla sede milanese della rivista Motociclismo fino a Capo Passero, in Sicilia. A salire in sella il prossimo 1° giugno sarà il romano Alessandro Altomonte, 28 anni, che – dopo altre esperienze da centauro – ha avuto un’idea particolare: questa volta partirà senza un itinerario prestabilito, affidandosi completamente ai membri della community Motociclismo All Travelers. Attraverso la pagina Facebook, infatti, saranno loro a fornirgli tutte le indicazioni sulle strade da percorrere, i suggerimenti sugli angoli sconosciuti da visitare e, perché no, anche ospitalità o compagnia lungo il tragitto.

FAMMI STRADA
Il progetto “Fammi Strada” è nato dopo una lunga riflessione, ovviamente maturata sulle due ruote. Sì, perché Alessandro è sempre stato frenetico e impaziente: a vent’anni, aveva già in garage la sua prima moto, una Suzuki Gsxr600, comprata con i soldi guadagnati in anni di lavoretti nel dopo scuola. “L’attesa del ventunesimo compleanno per poterla guidare fu estenuante. Pochi mesi, giusto il tempo di qualche piega e il 600 non era più sufficiente. Con tanti sacrifici sono riuscito a realizzare il sogno: una Yamaha R1, ovviamente modificata, con la quale ho intrapreso tre indimenticabili anni di scorribande domenicali con gli amici, tra strada e pista”.

Alessandro Altomonte, Fammi strada, riderRientrato dal suo primo viaggio oltre i confini italiani, ha cambiato ancora una volta moto, sostituendola con una più adatta ai lunghi tragitti che gli frullavano per la testa. In sella alla sua Bmw, la voglia di viaggiare lo spinge dall’Atlantico fino ai confini dell’Iran. “Lungo la strada ho conosciuto tanti motociclisti, italiani e stranieri, che per saziare la loro voglia di scoperta e avventura hanno intrapreso viaggi oltre i propri confini e limiti”. Finché un giorno, un austriaco gli ha chiesto consigli per il suo viaggio in Sicilia e Alessandro si è accorto di non avere buone indicazioni da dargli.

“In Sicilia, ahimè, non c’ero mai stato. È stato cosi che ho deciso di accantonare il mio progetto di giro del mondo, in favore di uno alla scoperta approfondita dell’Italia, di casa! Essendo un lettore di Motociclismo, quale idea migliore che quella di condividere questo viaggio con tutti i membri della community?”. Tutti coloro che vorranno prendere parte al viaggio saranno i benvenuti e potranno scegliere di “fargli strada” in sella alla loro moto oppure offrendogli un piatto di minestra o un posto per la notte sul divano di casa. “Sarà un bel modo per conoscersi di persona e condividere questa esperienza, dimostrando agli scettici, che la Alessandro Altomonte, Motociclismo All Travelersproverbiale “fratellanza” tra motociclisti è ancora viva”.

VIAGGIARE È RITROVARSI
Nel corso degli anni, grazie alle scorribande in giro per il mondo, Alessandro ha imparato sulla sua pelle che il vero scopo di un viaggio in moto non è partire da un punto A per raggiungere un punto B, né fare a gara su chi arriva più lontano. La vera motivazione che spinge a trascorrere otto ore al giorno con la testa dentro un casco deve essere quella di partire con se stessi, alla scoperta di se stessi, non importa quale sia la meta.

COME PARTECIPARE
Per fornire il proprio contributo, basta collegarsi al link della mappa interattiva per indicare fino a tre luoghi interessanti da visitare, ma anche la propria disponibilità ad ospitare Alessandro Altomonte, Suzuki Gsxr600, Yamaha R1, BmwAlessandro. Sulla pagina, si possono visualizzare le ultime segnalazioni degli utenti, divise fra luoghi da visitare e proposte di ospitalità, a seconda del colore del marker. Scrivendo indirizzo, numero civico e comune, apparirà una mappa con la posizione interpretata da Google Maps: se non è corretta, basta spostare il puntatore e confermare la posizione tramite il tasto. “Per favore, evitatemi il traffico delle città e la noia delle autostrade”, raccomanda Alessandro. I percorsi più suggestivi, magari in mezzo al verde o meno conosciuti, sono i benvenuti. Forza, fategli strada!

SHARE
Articolo precedenteItalia che cambia
Articolo successivoVia con Rovigoracconta