Be REVOLUTION in 500

BeREVOLUTION, Andrea e Luca Bonventre in Fiat 500 fino a TokyoStessa meta, stesso obiettivo, stesso cognome: Andrea e Luca Bonventre, 27 e 31 anni, torinesi e cugini di primo grado, partiranno il prossimo 4 luglio per Tokyo. Nulla di strano in un mondo sempre più interconnesso, se non fosse che il loro viaggio si svolgerà a bordo di una Fiat 500 del 1965, attraverso Est Europa, Balcani, India e Sud-est asiatico. 

“L’idea è nata lo scorso settembre in Sardegna, dove eravamo andati a ritirare personalmente la Fiat 500 che Luca aveva ordinato”, ricorda Andrea. “Al ritorno, dopo una meravigliosa avventura on the road, ci siamo guardati e domandati quasi all’unisono: ma secondo te… dove può arrivare una 500?”.

Così, sognando di raggiungere l’altro lato del pianeta, i due ragazzi hanno puntato il dito sul mappamondo dando inizio al progetto BeREVOLUTION, l’idea di un viaggio sostenibile – con la macchina che, più di ogni altra, ha scritto un importante pezzo di storia nella vita degli italiani – da raccontare attraverso un BeREVOLUTION, Andrea e Luca Bonventre in Fiat 500 fino a Tokyoaccurato reportage video (wemind.it) e fotografico (andreabonventre.it).

“Sia io che Luca abbiamo sempre amato viaggiare e lo abbiamo fatto spesso, in forma autonoma”, racconta Andrea. “Poi, ci è capitato di affrontare l’Argentina insieme per un mese e da cugini siamo diventati amici, appassionati degli stessi obiettivi”.

Il viaggio a Tokyo sarà una nuova “sfida a due” per i torinesi, ma anche un modo per raccogliere donazioni e dare visibilità a FORMA Onlus, la fondazione dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino nata nel 2005 dalla volontà di un gruppo di famiglie desiderose di rendere la clinica più a misura di bambino.

Vogliamo dedicare la nostra avventura ai più piccoli, ricordando la compagna di Luca, scomparsa due anni fa in un incidente stradale, poco dopo aver compiuto trent’anni: lei era un’educatrice d’infanzia e, al momento della sua scomparsa, eravamo BeREVOLUTION, Andrea e Luca Bonventre in Fiat 500 fino a Tokyoentrati in contatto con FORMA Onlus, scelta dagli amici per devolvere le donazioni raccolte. Lei avrebbe fatto lo stesso, visto che ai bambini dedicava le sue giornate: a tutti loro, noi vorremmo intitolare il nostro viaggio”.

Con un percorso in testa, che ovviamente subirà le variazioni dettate dal caso o dagli eventi, Andrea e Luca vogliono entrare in contatto con altre associazioni, fondazioni o scuole che si occupano di prima infanzia, concentrando l’attenzione proprio sui bambini che creeranno il futuro di domani. A ciascuno, all’interno di un laboratorio, verrà chiesto di disegnare i propri sogni con pennarelli e fogli che i due ragazziBeREVOLUTION, Andrea e Luca Bonventre in Fiat 500 fino a Tokyo metteranno a disposizione, in modo da raccogliere tanti frammenti di mondo colorato, che alla fine verranno presentati come “500 sogni in 500”.

SULL’AUTO DI TUTTI
Su questi presupposti, il viaggio si svolgerà su una Fiat 500 anche per coinvolgere più cuori possibili. Sì, perché il mezzo scelto da Luca e Andrea è “l’auto di tutti”, che in qualsiasi famiglia italiana è appartenuta almeno a un nonno, uno zio, un amico.

“Il fatto di non aver scelto una macchina attrezzata o super tecnologica vuole mostrare simbolicamente come la nostra sia un’impresa alla portata di chiunque abbia voglia di mettersi in gioco”, afferma Andrea. “In un’epoca dove siamo tutti scontenti e preoccupati per il futuro, non serve aspettare che qualcun altro agisca per noi: BeREVOLUTION, Andrea e Luca Bonventre in Fiat 500 fino a Tokyodobbiamo trovare il coraggio di compiere la nostra rivoluzione, provando a fare ciò che abbiamo sempre sognato”. Ecco perché BeREVOLUTION.

Ma quali sono i sogni di chi vuole raccoglierli da Torino a Tokyo? “Se fossi io a dover riempire un foglio bianco, disegnerei me stesso con la chitarra sul palco di San Siro o magari una mia fotografia sulla copertina di National Geographic”, sorride Andrea. “Ma il mio sogno attuale è quello di realizzare questo viaggio nelle modalità che abbiamo in testa, nella speranza che possa essere utile anche ad altre persone, ispirandole o anche solo facendo provare un senso di leggerezza e libertà nel BeREVOLUTION, Andrea e Luca Bonventre in Fiat 500 fino a Tokyoseguirci”.

In fondo, nell’epoca di Internet, basta aprire Wikipedia per trovare tutte le nozioni di un Paese, ma solo chi viaggia può provare – e a sua volta trasmettere – le emozioni vere, quelle vissute “a fior di pelle”. Luca e Andrea condivideranno sui social e attraverso il loro portale tutto questo entusiasmo. “Chi vuole aiutarci a spingere la 500 fino in Giappone, può contribuire con una donazione (IT76S0326830360052278106440), ma anche con idee, articoli da viaggio, pezzi di 500, consigli utili o qualsiasi cosa possa servire: attendiamo qualsiasi contributo all’indirizzo mail 500berevolution@gmail.com”, conclude Andrea.

Per i due ragazzi (che saranno in Piazza Castello, a Torino, il 6 e il 13 giugno per promuovere il loro progetto), la grande meraviglia di un viaggio è l’asso nella manica che ne deriva: vedere realtà differenti dalla propria aiuta a comprendere che il cambiamento è possibile, che esiste sempre un luogo in cui trovare “altro”, che basta una scintilla di passione per migliorare la propria vita. E nessuna compagna di avventure sarebbe più azzeccata di una Fiat 500, un’auto che sa catapultare in un mondo parallelo, rumoroso ma tranquillo, dove la fretta lascia il posto a quella lentezza che fa battere più felice un cuore.

Paola Rinaldi

.

Be Revolution from we.mind on Vimeo.