Accendi un viaggio

Una serie di candele profumate e ispirate al tema del viaggio. In rue Saint-Honoré a Parigi, a pochi passi dal Museo del Louvre, si possono acquistare le note olfattive di Napoli, Broadway, Cambridge, Hong Kong e tante altre località “spremute” delle loro suggestioni e tradotte in eleganti accordi olfattivi. La boutique parigina è marchiata Astier de Villate, una nota azienda francese che produce ceramiche, oggetti profumati e una linea beauty, tra cui colonie, detergenti, eau de parfum e creme per le mani.

Racchiuse all’interno di una campana di vetro, avvolta poi in una carta ruvida e spessa, le candele catturano gli aromi caratteristici dei luoghi più magici del pianeta. In ordine alfabetico, è Alcatraz a inaugurare il viaggio olfattivo: l’isola rocciosa della Baia di San Francisco, rifugio dei pellicani e famosa per aver ospitato una prigione inespugnabile, viene celebrata con una candela che sprigiona l’odore deciso del tabacco biondo indiano, accoppiato alle note di fieno secco, legno di Gaiac affumicato e cannella spolverizzata di pepe nero.

Algeri è raccontata invece nella sua connotazione di città nord-africana dall’atmosfera e dallo stile molto parigini, con le sue facciate imbiancate a calce, le persiane blu intenso e un calore che confonde i sensi. Chiudendo gli occhi, di fronte alla candela accesa, è possibile visualizzarla grazie al sentore di fiori bianchi, gelsomino selvatico, ligustro e neroli, che si mescola delicatamente a note speziate 3con una flebile traccia di pepe. È possibile perdersi anche fra i giardini pensili di una delle sette meraviglie del mondo, perché a Babilonia è dedicato un aroma ricco, voluttuoso, al limite della decadenza: zaffate decise di fiori d’arancio sono mescolate a note mielate di ambra, all’oscurità del patchouli, alla rassicurante persistenza della salvia sclarea.

Fra le italianissime ci sono Napoli e Tivoli. Alla prima è dedicata una candela che libera tutta la delicatezza delle mandorle e dei fiori d’arancio mescolati ai classici profumi della pasticceria del sud, come se inspirassimo i vapori di una pastiera ancora calda. Le note di cedro e cipresso celebrano invece Tivoli e i suoi giardini di Villa d’Este, patrimonio dell’umanità Unesco e straordinario esempio di fontane, grotte, giochi d’acqua e musiche idrauliche.

Il viaggio continua con il profumo futuristico di Brasilia, i sentori inebrianti di Delhi, le note solari di Honolulu e il ricordo di bacche rosse e frutti di bosco di Zermatt, la patria dello sci alpino, ai piedi del Cervino. E poi ancora la fredda Anchorage, il quartiere giapponese di Aoyama, la scintillante Broadway, Cabourg la “chic”, la british Cambridge, la popolosa Hong Kong e la barocca Marienbad, celebre per un film del 1961 diretto da Alain Resnais. Disponibili anche nelle migliori profumerie italiane, le candele firmate da Astier de Villate sono un modo caldo, immediato e aromatico per condividere un viaggio con gli amici, lungo anche solamente una cena o il tempo di un tè.

SHARE
Articolo precedenteMarrakech
Articolo successivoCannibali