Leggi e seguimi

Novità in casa Minube. Sempre in linea con le nuove tendenze, il travel network europeo lancia le “mini-guide” create dagli utenti, un modo innovativo per i viaggiatori di andare oltre le guide cartacee e ottenere raccomandazioni uniche, affidabili e originali (www.minube.it). Le guide, che contengono raccomandazioni, mappe, foto e informazioni di contatto, vengono caricate direttamente da persone “reali”: si va dal bolognese doc che consiglia i migliori locali in cui assaggiare i piatti emiliani della sua città allo studente di architettura che offre un itinerario alla scoperta dei misteri di Gaudì a Barcellona.

Le guide sono disponibili all’interno dell’applicazione per iPhone di Minube e, in base al contenuto, sono gratuite o disponibili all’acquisto (la maggior parte a un prezzo molto contenuto di € 0,89). I ricavi delle vendite vengono condivisi con gli autori, aprendo la possibilità ai viaggiatori saltuari di proporsi come creatore di una guida.

Dopo cinque anni di attività, Minube è diventata una delle piattaforme on line di viaggi social più popolari in Europa, con oltre 30 milioni di utenti in tutto il mondo e più di un milione di download delle sue applicazioni. Con il Minube Store, le sue funzionalità raddoppiano: i viaggiatori possono trovare proposte originali, visioni uniche create da appassionati di una tematica, contenuti e ispirazioni.

Gli appassionati di cinema possono scoprire i luoghi legati alla storia cinematografica di una città, i fanatici dei locali alla moda possono spulciare in una lista dei bar da non perdere durante il weekend e chi sta cercando i mercati più particolari di una città ha a disposizione una lista completa, work in progress per le varie località. Chi sta per raggiungere Londra può scaricare sul proprio dispositivo mobile tutti i luoghi che sono stati teatro di azione di Jack lo Squartatore e avere una visione “diversa” della città. I download permettono di usufruire dei contenuti senza bisogno di una connessione a Internet, consultando anche una mappa virtuale della città.

Ma c’è spazio anche per destinazioni lontane, come Etiopia, Baltico, Giappone. Non ci sono limiti in questo nuovo servizio: svago nella propria città, fughe di due giorni o viaggi inediti. Come si creano le nuove liste del Minube Store? Grazie alla partecipazione diretta degli utenti, una community di oltre 600 mila persone registrate, che possono proporre le proprie liste o mini-guide per qualunque angolo del mondo.

La seconda grande novità è che la piattaforma diventa più universale ed è già disponibile in italiano, spagnolo, inglese, francese e portoghese-brasiliano. Fin dall’inizio, Minube ha avuto una vocazione internazionale e, dal mese scorso, è finalmente on line anche la versione inglese con due nuovi domini per Stati Uniti (minube.net) e UK (minube.co.uk). L’appuntamento è con nuove lingue.

 

Clicca qui per leggere altri articoli della sezione News