Rotellando fa il bis

Lo aveva promesso, e voilà! Dopo l’avventura dello scorso anno in giro per l’Italia, “Rotellando” riparte… e questa volta va in giro per il mondo. Il prossimo 21 aprile, Fabrizio Marta, alias Rotex, lascerà Venezia per un viaggio attraverso diversi paesi, culture e stili di viaggiare. Questo straordinario “viaggiatore rotante” ci porterà alla scoperta di luoghi e storie visti attraverso i suoi occhi e le esperienze sul campo per raccontare ancora una volta com’è viaggiare sulla sedia a rotelle e quali sono gli ostacoli fisici e mentali che si incontrano. “Si parte con un bagaglio emotivo vuoto, in modo da poterlo riempire di nuove storie, nuovi sguardi, nuovi odori e luci. Ci svuotiamo del passato, lasciamo a casa e diamo le spalle alle delusioni e ci portiamo nuove visuali”, scrive Fabrizio.

“Rotellando per il mondo” inizierà scoprendo il mondo delle crociere, lungo i porti del Mediterraneo Orientale (Italia, Grecia, Turchia e Croazia). Il gruppo di “rotellanti” – insieme a Fabrizio Marta “rotelleranno” anche la videomaker Francesca Serra e il fotografo Marco Resti – si imbarcherà sull’ammiraglia “Costa Fascinosa” per compiere un doppio viaggio: quello geografico attraverso le tappe greche, turche, croate e italiane della crociera, ma anche sociale, andando a scoprire uno stile di viaggiare – quello delle crociere – molto diffuso e allo stesso tempo di nicchia. “La crociera è ancora oggi considerata un modo di viaggiare non molto avventuroso, dedicato a famiglie e anziani. Rotellando scoprirà fino a che punto questo sia vero”.

Durante i sette giorni di navigazione, la troupe racconterà le storie dei passeggeri, ma anche dell’equipaggio e del personale che segue costantemente il turista lungo tutte le tappe. “La crociera è uno stile di viaggio radicato nel passato, quando, in mancanza di aerei, le traversate oceaniche rappresentavano l’unico mezzo per raggiungere terre lontane”. Il viaggio multimediale (fotografico, video ed editoriale) verrà raccontato sul blog rotellando.vanityfair.it e sul sito www.rotellando.it, oltre che sui blog personali della squadra: fiumedistelle.blogspot.it e www.marcoresti.com. Sarà possibile seguire il viaggio anche sui social network (www.facebook.com/Rotellando) e Twitter (@rotex70).

selva-300x198 copiaINCONTRI SPECIALI
Nel suo viaggio straordinario, Fabrizio-Rotex conta di proseguire la fitta serie di incontri inaugurata lo scorso anno. Sul suo blog, è possibile scoprire i volti delle persone che lo hanno aiutato ad affrontare l’avventura con un sorriso, una parola, un incoraggiamento. A Telese, in provincia di Benevento, ha conosciuto Maria, “una bellissima ragazza, nonostante l’austerità della carrozzina a motore e la rigidità di un fisico affetto da una malattia che le impedisce di muoversi”. Fabrizio ricorda il suo sogno di visitare il Giappone, i suoi gesti hanno un’eleganza quasi orientale.

Poi c’è Luigi di Mesagne, diventato non vedente una ventina di anni, forse nel momento in cui gli occhi gli avrebbero dato maggiore gioia: la nascita di suo figlio Danilo. “Li incontriamo insieme, padre e figlio, spesso sembrano una cosa sola. Danilo guarda suo padre con tutti gli occhi che ha a disposizione e Luigi ‘sente’ Danilo con tutti i radar che dispone, è bello vederli così uniti, fa quasi invidia”. Nell’ultima tappa di “Rotellando”, Fabrizio ha incontrato una sua “collega”, come la chiama lui: Valentina, ventiquattrenne di Alba, che ha in comune con lui l’osteogenesi imperfetta. “È il sorriso fatto persona. Sorride, ride, scintilla vivacità, è gioiosamente viva. Il suo scintillio l’ho visto da lontano, mentre parlavo durante la nostra conferenza stampa di chiusura a Torino”. Volti impossibili da dimenticare, di cui Fabrizio è pronto a fare nuovamente il “pieno”.

 

Abbiamo intervistato Fabrizio in Rotellando per l’Italia.

 

Clicca per leggere altri articoli della sezione News

 

SHARE
Articolo precedenteMamma, si parte?
Articolo successivoBolzano, arrivo!