Un viaggio totale

Vi avanzano due anni di tempo libero e un milione di sterline? Allora preparate le valigie, perché vi aspettano i 962 tesori culturali e naturalistici tutelati dall’Unesco. Tra le stravaganze del web c’è l’originale (e onerosa) proposta che arriva dal tour operator inglese VeryFirstTo (veryfirstto.com), che unisce un trattamento vitto/alloggio da mille e una notte a un giro del mondo tra i Siti Patrimonio dell’Umanità.

Il viaggio extra-lusso include una puntatina al sito archeologico del Monte Albán (Messico), al sensazionale Taj Mahal (India), alla città di Petra (Giordania), al Tempio di Angkor Wat (Cambogia), all’Alhambra e al vecchio quartiere moresco di Albaicín (Spagna), alle grandi piramidi in Egitto, alla Città Proibita di Pechino e al Machu Picchu. Ma l’elenco è lungo e include tutte le “espressioni” della cultura mondiale che l’Unesco ha inserito in un apposito elenco per sottolinearne l’importanza.

E per quanto riguarda gli hotel? Solo strutture di lusso come il Sandy Lane (Barbados), l’Hotel George V (Parigi), il The Plaza (New York), The Taj Mahal Palace (Mumbai), l’Hotel Cipriani (Venezia) e The Ritz-Carlton Hotel (Mosca). Roba da lustrarsi gli occhi, ma anche uno scopo benefico, visto che circa 5 mila sterline verranno donate all’Unesco.

Ovviamente, tengono a precisare gli organizzatori, il tour includerà solamente le destinazioni considerate sicure per i viaggiatori e potrà essere personalizzato a seconda delle personali esigenze. Insomma, non manca proprio nulla e ogni dettaglio rispecchia perfettamente la filosofia di VeryFirstTo, che lancia esclusivamente prodotti (dalle borse alle biciclette) ed esperienze (concorsi, eventi, viaggi) di lusso. Molto più che un tour operator, si tratta di una vetrina che spazia nel mondo della tecnologia, della moda, della casa, del tempo libero, della bellezza.

ALTRI GIRI DEL MONDO
Se l’idea vi alletta, ma la cifra vi fa sudare, sul web brulicano le proposte per circumnavigare il globo a prezzi più contenuti, seppure senza Patrimoni Unesco. Con il Go Round the World di SkyTeam (www.skyteam.com) si può pianificare l’itinerario del proprio giro del mondo: la prenotazione va fatta entro il 31 marzo 2013, utilizzando i voli di una qualsiasi delle 19 compagnie SkyTeam, e il primo volo intercontinentale in partenza deve essere effettuato prima del 30 giugno. Il viaggio deve terminare entro il 30 dicembre 2013 e la durata massima è di sei mesi, con un percorso totale che non può superare le 26.000 miglia.

Ma in rete esiste addirittura un sito dedicato ai giri del mondo: www.aroundtheworldtours.com. L’idea è dell’italiano Matteo Pennacchi, che si è trasferito in Sud Africa quando aveva due mesi e da allora ha viaggiato attraverso i cinque continenti, visitando circa 50 Paesi e traslocando 22 volte. Nel 1993, dopo la Laurea in Francia, ha preso un anno sabbatico per realizzare il primo dei suoi tre giri del mondo. Grazie alla sua esperienza personale, è possibile creare il proprio giro del mondo usando il RTW Planner, accedendo ad oltre 800 destinazioni in 150 Paesi attraverso il network di alleanze OneWorld (it.oneworld.com). Vale la pena una sbirciatina, anche solo per sognare.

 

Clicca qui per leggere altri articoli della sezione News