Viaggio tra i fiori

Bambino al Castel Trauttmansdorff

Isola del Garda, giardino all'italianaState programmando un fine settimana da favola, tra fiori, profumi e colori? Domenica 13 aprile, apre nuovamente al pubblico Isola del Garda, situata sulla sponda bresciana del lago più grande d’Italia, a poche braccia d’acqua da San Felice del Benaco. Questo scrigno di capolavori architettonici, artistici e botanici – che dal 2008 fa parte dei Grandi Giardini Italiani, il network dei giardini d’eccellenza nella nostra penisola – è una meta adatta a tutta la famiglia, perfetta per un viaggio romantico fra peonie, gigli e tulipani. Il primo grande appuntamento è quello del 21 aprile, giorno di Pasquetta, quando il “Family Day” offrirà una giornata all’aria aperta tra giochi, divertimento e animazione.

Ma la novità dell’anno è la mostra temporanea “Un’Isola da favola: Ecce Pinocchio”, in programma a partire dal 20 maggio, dove si avvicenderanno artisti di fama che con le loro opere e creazioni reinterpreteranno la celebre fiaba di Collodi: dal disegno alla pittura, dalla scultura al cinema. Ogni viaggio a Isola del Garda è la straordinaria occasione per visitare l’imponente Villa Borghese Cavazza, un sontuoso palazzo progettato Isola del Garda, veduta aereadall’architetto Luigi Rovelli (simile al Palazzo Ducale di Venezia) immerso in un bellissimo giardino all’italiana di austeri cipressi, siepi di bosso e una cornice di lecci, ligustri, corbezzoli e querce.

Nel corso degli anni, l’isola è stata dimora di romani, longobardi, frati francescani, aristocratici, generali napoleonici, artisti e letterati: anche San Francesco d’Assisi ci sbarcò nel 1220 e decise di stabilirne il romitorio per la sua piccola comunità di frati, utilizzando le grotte naturali preesistenti e istituendo uno dei primi eremi di preghiera del territorio bresciano. Oggi invece è di proprietà della famiglia Cavazza, che risiede e lavora da sempre sul Lago di Garda gestendo direttamente un’azienda agricola e altre legate al turismo all’aria aperta, come campeggi e agriturismi.

… E POI UN SALTO A MERANO
Un altro tripudio di fiori e colori ci aspetta ai Giardini di Sissi a Merano, che dal 1° aprile apriranno le porte alla nuova stagione. Ad accogliere i visitatori ci saranno oltre 230 mila bulbi in fiore che sveleranno la loro bellezza in un giardino di dodici ettari dedicato a tutte le piante del mondo, meta turistica fra le più amate dell’Alto Adige. Anche loro compresi nella rete dei Grandi Giardini Italiani, quest’anno ospiteranno la mostra ardita e Narcisi ai Giardini di Sissigiocosa “Amore in Fiore – L’Eros nel Mondo Vegetale”: la curiosa rassegna si propone di accompagnare il visitatore in un percorso misterioso e mistico alla scoperta del ciclo di vita vegetale e della seduzione tra i fiori.

Di grande impatto è anche la nuova serra, una cupola di vetro lunga trenta metri e alta quindici che è pronta per essere aperta al pubblico (da giugno) e che diventerà un importante richiamo per tutta la città di Merano. Al suo interno sarà ospitato un fitto intreccio di liane e giovani alberi, una giungla di palmeti tropicali, piante di cacao, mangostano, banani e dipladenie e custodisce nel suo terrario alcune specie viventi di animali tipiche di quel particolare ecosistema (rane toro africane, locuste del deserto egiziano, ragni giganti e insetti stecco).

UN GIARDINO A MISURA DI BAMBINO
Di settimana in settimana, i Giardini di Merano si vestono di nuove tonalità: ad aprile sarà la volta dei tulipani e delle violette che si alternano a rododendri, narcisi, peonie, anemoni, giacinti, ranuncoli, camassie, corone imperiali e english Bambino al Castel Trauttmansdorffbluebell, contornati da aiuole e bordure. Ma con un pizzico di fantasia, questo paradiso si trasforma in un fiabesco parco di divertimenti per i più piccoli, in cui poter unire svago e diletto a una giornata immersi nella bellezza della natura: i bambini potranno esplorare le speciali stazioni sensoriali, arrampicarsi tra le rocce, nascondersi dietro gli alberi, partecipare ad avvincenti show multimedial, allenare l’olfatto con gli aromi che si nascondono dentro campane di vetro e incontrare animali buffi e curiosi come le caprette tibetane.

EVENTI RICONFERMATI
Celebri per aver ospitato l’imperatrice Sissi dal 1870, i giardini ospiteranno anche nel 2014 i collaudati eventi stagionali, come la tradizionale “Colazione da Sissi” ogni domenica di giugno, dove gli ospiti potranno gustare un delizioso brunch nello splendido scenario del parco, o la fortunata kermesse musicale del “World Music Festival”, che ogni estate ospita blasonati musicisti e cantanti nazionali ed internazionali, radunando nello splendido scenario del Laghetto delle Ninfee migliaia di visitatori. Attesissima anche la suggestiva rassegna “Trauttmansdorff di Sera” che ogni venerdì di giugno, luglio e agosto dalle 18 alle 23 raduna numerosi giovani attirati da buona musica sulla riva del Laghetto delle Ninfee e del Caffè delle Palme.

SHARE
Articolo precedenteTonga, un mare di isole
Articolo successivoDal Po al Tamigi