Trento Film Festival

Immagine del Trento Film Festival, cinema ad alta quota

Immagine del Trento Film Festival, cinema ad alta quotaGrandi storie, grandi montagne. Dal 30 aprile al 10 maggio, torna l’appuntamento con il cinema dedicato alle imprese ad alta quota.
Natura, animali, paesaggio, cielo e roccia saranno gli assoluti protagonisti del Trento Film Festival, un’occasione per scoprire – attraverso il racconto con i film, i libri e le testimonianze dei protagonisti – le straordinarie sensazioni regalate da montagna, esplorazione e avventura.

Dopo la Finlandia, la Russia, la Turchia e il Messico, il Paese “ospite” della 63esima edizione sarà l’India con i suoi territori interni, rurali e remoti e le comunità di culture, lingue e religioni diverse che li abitano, lontane dalle grandi metropoli e capitali.
Inoltre, il programma cinematografico di quest’anno prevede una serata di apertura e di chiusura con due opere da riscoprire in nuove versioni restaurate: venerdì 1 maggio, all’Auditorium Santa Chiara, il film muto “Maciste alpino”, Immagine del Trento Film Festival, cinema ad alta quotaaccompagnato dal jazzista Raffaele Casarano con il suo quartetto “Locomotive”, mentre sabato 9 maggio, al Supercinema Vittoria, sarà la volta della prima del restauro del film “Vertigine bianca” di Giorgio Ferroni, documentario ufficiale dei Giochi olimpici invernali di Cortina d’Ampezzo del 1956.

Ovviamente, oltre alla programmazione cinematografica, la manifestazione prevede incontri alpinistici, mostre, spettacoli, il “Parco dei mestieri” per le famiglie e i ragazzi, un ricco calendario di incontri con gli autori e di convegni a 360° sul mondo della montagna, dell’avventura e del viaggio.
Attesissima anche la Rassegna internazionale dell’editoria di montagna: da Petrarca a Erri De Luca, da Dino Buzzati a Mauro Corona, “narrare” le Immagine del Trento Film Festival, cinema ad alta quotamontagne è attività ancora più antica del raccontarle con le immagini e, dal 1987, questa rassegna è diventata una delle manifestazioni più seguite e più poliedriche del Trento Film Festival.
Guide, manuali, studi, monografie, libri fotografici, storia alpinistica, reportage e diari, opere letterarie e libri per ragazzi (nella sezione MontagniLandia), biografie e autobiografie, le sempre più frequenti novità multimediali pubblicate da editori di tutto il pianeta.

Tra gli appuntamenti di spicco c’è quello in programma per l’8 maggio, una serata speciale con Reinhold Messner e Hervé Barmasse, con la collaborazione del giornalista Sandro Filippini, dal titolo “150-100-50-0- Storie di alpinisti fra il Cervino e la Guerra”, pensato in occasione della coincidenza di alcuni anniversari che ricorrono proprio quest’anno, primo fra tutti i 150 anni dalla prima salita del Cervino.

Il calendario completo dell’evento è disponibile all’indirizzo: http://trentofestival.it/

SHARE
Articolo precedenteIn Cina sulla Vespa
Articolo successivoFacciamo… Centopassi