Tutti in sella

Cerchi un’idea insolita per un viaggio di Natale? Semplice: sali in macchina, imposta il navigatore su Busto Arsizio (Varese) e raggiungi il maneggio “La Bastide”, che organizza un originale camp di cinque giorni per giovani cavallerizzi, proprio durante il periodo delle vacanze scolastiche. Le date sono 23, 27 e 28 dicembre, 2 e 3 gennaio, quando si potrà testare sul serio la vita vera di chi vive e accudisce tutti i giorni i cavalli.

Si potrà scoprire la vita da maneggio, dove fare equitazione non significa solamente montare in sella a un destriero, ma anche prendersene cura. “Da piccola sognavo di stare con i cavalli tutto il giorno, così ora che gestisco un maneggio mio, organizzo delle giornate in cui i ragazzi di oggi possano vivere tutto il giorno a contatto con i pony” spiega Michela Lomazzi, responsabile tecnico della struttura. “I ragazzi possono portare fuori i cavalli, pulirli, dargli da mangiare, e poi, naturalmente anche cavalcarli; insomma, passare più ore possibili in loro compagnia, assieme ai loro amici e compagni”.

Occuparsi di un maneggio vuol dire portare rispetto verso se stessi, verso gli animali, e verso le persone che collaborano per fare in modo che tutto funzioni al meglio. “Un cavallo ha bisogno di te anche quando piove, fa freddo, o quando ci sono quaranta gradi e sei assediato dai moscerini, va spazzolato, lavato, gli va pulito il box, bisogna conoscerlo a fondo, umori, desideri, preferenze, ma occorre anche studiare la sua morfologia, imparare a rispettarlo, a farselo amico”.

Le attività proposte dal camp natalizio del maneggio “La Bastide” comprendono vita da maneggio, lezioni di monta western e giochi antichi nella natura. La giornata per i giovani cavallerizzi inizia alle 9,30 e termina alle 16,30, per sfruttare al meglio tutte le ore di luce della giornata, e, tempo permettendo, stare all’aperto il più possibile. “Un cavallo può vivere 30 anni, è quasi un parente, e una volta che si è stabilito un rapporto con lui, sarà tuo amico per sempre e ti proteggerà. Io ho imparato presto tutto questo e voglio trasmettere tutto l’affetto per questi animali anche ai piccoli e ai ragazzi, a coloro che saranno i grandi di domani”.

Per maggiori informazioni: www.labastideasd.com

 

 

SHARE
Articolo precedenteSudafrica, un mondo a parte
Articolo successivoI Tuareg