Istanbul, in viaggio con me

Istanbul, in viaggio con me - Foto Mercan Fröhlich-Mutluay

IMG_4364 bassa risÈ un fascino itinerante quello di Istanbul, una città talmente intensa che sembra racchiuderne altre mille e al tempo stesso rimane un luogo unico al mondo. Alla sua magia è dedicata la mostra fotografica “Istanbul – In viaggio con me” di Mercan Fröhlich-Mutluay, organizzata presso lo spazio espositivo dell’Ufficio Cultura e Informazioni della Ambasciata di Turchia a Roma. L’esposizione, che resterà a disposizione del pubblico da mercoledì 12 marzo fino a venerdì 21 marzo, tenta di coinvolgere il pubblico in un percorso estremamente emozionale, accompagnandolo lungo un percorso per immagini che suscitano sorpresa e curiosità.

Nata a Kargi (Çorum) nel 1971, cresciuta in Germania e attualmente residente a Roma, Mercan vuole che il pubblico sappia riconoscere nei suoi scatti la vera realtà di questa straordinaria città: per questo motivo, non ritocca le sue fotografie, perché vuole condividere le sue opere senza che venga fatto nessun tipo di cambiamento, lasciando lo scatto esattamente così come è stato colto.

LA SUA UNICA REGOLA È “SCEGLIERE”
Prima di cominciare un nuovo lavoro fotografico, Mercan sceglie il luogo. Se decide “oggi voglio andare a Sultanahmet”, il lavoro comincia prima di arrivare nel quartiere storico della città, perché il tragitto è altrettanto importante: durante lo spostamento utilizza la macchina fotografica per scatti improvvisi, senza nessuna pretesa coglie i volti delle persone e i posti così come sono. Le persone non sono manichini, la luce non viene modificata, anzi, l’atmosfera della città si coglie attraverso una leggerissima nebbia.

La sua passione per la scienza, che l’ha portata a laurearsi in Biologia, consente a Mercan di percepire i singoli dettagli in modo particolare: non esiste un oggetto che sia più o meno importante, che abbia più o meno valore. Ciò che è importante è che quell’oggetto abbia guadagnato il suo interesse, per poter scattare la sua foto.

Forse, il fatto di abitare vicino a San Pietro ha acuito la sensibilità della fotografa rispetto al trascorrere del tempo, al rapporto tra il singolo e l’infinito: anche per questo, nel suo viaggio ad Istanbul, ha deciso di fotografare le moschee e le persone che pregano. Per qualche giorno si è tenuta distante dalla vitale dinamicità della metropoli, per entrare all’interno dei luoghi di preghiera, cogliendo un attimo della totalità. Il messaggio del suo lavoro è chiaro e limpido: la perfezione e la bellezza di Istanbul si trovano in tutto ciò che essa offre, senza illusioni, senza tradimenti. È bello accettare la città per quella che è, perché ognuno di noi riesce a cogliervi una traccia di sé, un riflesso del proprio essere.


Mostra fotografica di Mercan Fröhlich-Mutluay “Istanbul – In viaggio con me”
Inaugurazione:
mercoledì 12 marzo 2014, ore 18.00 (cocktail)
Periodo espositivo:
13-21 marzo 2014
Orari:
9.00 – 17.00 (dal lunedì al venerdì)
Dove:
Piazza della Repubblica 55/56, Roma
Ingresso gratuito