Primavera con il FAI

Itinerari culturali, percorsi naturalistici, escursioni e biciclettate. Per chi vuole viaggiare, ma non può andare lontano, tornano anche quest’anno le Giornate FAI di Primavera: sabato 22 e domenica 23 marzo, sarà possibile prendersi una pausa dalla solita routine per tuffarsi in un grande spettacolo di arte e bellezza, che avrà come protagonisti centinaia di siti particolari, spesso inaccessibili e che eccezionalmente potranno essere ammirati dal pubblico durante il weekend.

ITINERARI DA NORD A SUD
Tra le aperture più interessanti c’è quella dedicata alla figura di Augusto, a Roma, in occasione del bimillenario della morte del grande imperatore: si potranno visitare il Mausoleo di Augusto, il Teatro di Marcello e il Foro di Augusto. Sempre nella capitale si apre anche il Palazzo Uffici all’EUR, progettato dall’architetto Gaetano Minnucci nel 1937 e ultimato nel 1940, che ospita al secondo piano seminterrato un bunker antiaereo che poteva contenere fino a trecento persone per un periodo di quattro mesi.

A Milano sarà possibile visitare il Palazzo della RAI, ideato dall’architetto Giò Ponti in collaborazione con l’ingegnere Nino Bertolaia nel 1939 per la sede dell’EIAR, e Palazzo Aporti, sede delle Regie Poste progettata dall’architetto Ulisse Stacchini e costruita tra il 1926 e il 1931, replicando i caratteri monumentali della Stazione Centrale.

Napoli, Archivio di Stato – Sala degli Archivi Gentilizi © Archivio di Stato di Napoli

A Napoli si andrà alla scoperta dell’Archivio di Stato, nato come “Archivio Generale del Regno” nel 1808 e ospitato negli spazi del Monastero dei Santi Severino e Sossio: il pubblico potrà vedere stanze solitamente inaccessibili dove viene custodito un patrimonio documentario di grandissima importanza, contenuto in sessantamila metri lineari di scaffalature.

Visite speciali a due affascinanti luoghi solitamente chiusi al pubblico anche a Pisa e a La Spezia: gli Arsenali navali della Repubblica Marinara di Pisa, costruiti a ridosso delle mura urbane e fortificati nel 1261 sugli altri tre lati, e l’Arsenale militare marittimo a La Spezia, che occupa una superficie di ottantacinque ettari, fatto edificare da Camillo Benso Conte di Cavour che ottenne nel 1857 il trasferimento della Marina Militare da Genova a La Spezia.

Venezia, Palazzo Labia
Venezia, Palazzo Labia

CURIOSITÀ PER TUTTI
Nell’ambito del progetto “Arte. Un ponte tra culture”, in numerose città verranno riproposte le visite guidate per cittadini di origine straniera, che saranno effettuate in diverse lingue in base alle diverse cittadinanze degli stranieri presenti. Per tutti, sarà possibile visitare aree archeologiche, percorsi naturalistici, borghi, giardini, chiese, musei, castelli, ma anche intraprendere appassionanti escursioni. Tra le tante, c’è quella nella zona archeologica sotterranea a Ivrea, in provincia di Torino, la cui prima occupazione risale all’incirca all’80 a.C., dove sono stati rinvenuti interessanti reperti.

Per maggiori informazioni: www.giornatefai.it

 

 

SHARE
Articolo precedenteUomini e miniere
Articolo successivoViaggiando il mondo