Il viaggio in festa

“Il modo migliore per cercare di capire il mondo è vederlo dal maggior numero possibile di angolazioni”, scriveva il grande psichiatra statunitense Ari Kiev. Le angolazioni non mancheranno nel Festival del Viaggio, il grande evento multidisciplinare dove il tema del viaggiare è l’assoluto protagonista di incontri, conferenze, percorsi, mostre e documentari. Tre le città coinvolte nell’edizione 2013: Palermo fino al 15 giugno, Firenze dal 10 al 18 giugno, Milano dal 20 al 21 giugno.

“Il viaggio è un termine di paragone esistenziale molto incisivo. E sgombra il campo da tante chiacchiere, ponendo chi cerca un altrove nella condizione di semplificare il proprio orizzonte, di alleggerire lo zaino dai nostri luoghi comuni”, scrive il direttore dell’evento, Alessandro Agostinelli. Con l’ottava edizione di questa originale manifestazione, organizzata dalla Società Italiana dei Viaggiatori (www.societadeiviaggiatori.org), viene offerto un vasto programma dedicato in larga parte alla bicicletta, intesa come “un ritorno a un modo di intendere quotidianità, attività sportiva e cultura più vicina a tempi umani”.

A PALERMO
Nella suggestiva Villa Niscemi, il festival offre una settimana di programmazione dedicata al globale e al locale. Si compirà un percorso espositivo tra manufatti appartenenti a collezioni private e provenienti da numerosi Paesi del mondo tra cui Iran, Giappone, Turchia, Costarica, Perù. Ma largo spazio verrà dato anche a libri e proiezioni sulla Sicilia profonda, sul Tibet e sull’India. Sarà presentato in anteprima nazionale anche il video “Alcuni universi di Fosco Maraini”, un video-documentario che racconta il lavoro di studio e ricerca condotto da Maraini sulla popolazione degli Ainu, un gruppo etnico ormai estinto che viveva sull’isola giapponese di Hokkaido.

A FIRENZE
Il capoluogo toscano ospita un’eccezionale mostra fotografica di Sergej Yastrzhembskiy, a cura di Maria Gloria Roselli, dedicata ai riti e agli sciamani di tutto il mondo. Grande attenzione sarà rivolta ai viaggi per diversamente abili, cicloturismo, mappe emozionali sulle città d’arte, documentari e film, alla presenza di ospiti importanti come Alessandro Benvenuti, Patrizio Roversi, Vinicio Capossela, Andrea Di Robilant, Tiana Kai Madera. Al centro della settimana fiorentina, ci sarà il tema della bicicletta come mezzo di trasporto ecologico, come spunto per il turismo lento e come avvio allo sport, nell’anno dei Mondiali di Ciclismo ospitati dalla Toscana.

A MILANO
Per il Festival del Viaggio è la prima volta a Milano, allo Spazio Oberdan, con una presentazione di documentari africani del regista russo Sergej Yastrzhembskiy. Ogni nuova città rappresenta una prova per il festival, che cerca di unire idealmente la penisola italiana. Così, in questo “grand tour” estivo si arriva in una delle città più vive della penisola a proporre immagini dell’Africa profonda, come a indicare un percorso di conoscenza verso un altrove che ormai è presente nelle nostre strade e fa parte della nostra vita quotidiana, contaminandola di nuove culture ed esperienze.

PERCHÉ IL FESTIVAL
Il Festival del Viaggio – ideato da Alessandro Agostinelli nel corso dei suoi numerosi viaggi tra California, Costa Rica, Hawaii, Ex-Jugoslavia, Germania, Francia, Spagna e Turchia – ha preso forma attraverso il titolo di un libro, “Il Milione”, la storia del mercante veneziano Marco Polo scritto, per interposta persona, da Rustichello da Pisa, definito il primo giornalista moderno. “Per questo si pensò che a Pisa potesse aver luogo un festival ispirato al libro del Milione, una denominazione che testimonia il legame con l’Oriente e anche qualcosa di grande, come ogni vero viaggio può essere”.

Fin dall’inizio, si è pensato a un festival che non premiasse nessuno, che non parlasse soltanto dei grandi viaggiatori, che non si occupasse esclusivamente dei viaggi impossibili. “Si è messo il viaggio al centro della vita, cioè una visione plurale dei modi di viaggiare, convinti che tutte le modalità dello spostamento umano, delle civiltà dinamiche, abbiano una loro ragione”. Da qui, è derivata un’impostazione multidisciplinare, che unisce ogni anno libri, convegni tematici, cene, spettacoli teatrali, documentari, film, fotografie, mostre di pittura, allestimenti d’arte, musiche. concretamente esperienza. Da otto anni, questo viaggio continua.

Per informazioni e programma completo: www.festivaldelviaggio.it.

 

Clicca per leggere altri articoli della sezione Eventi