Carnet de voyage

“Quaderni di viaggio: un dì, tardo, traendo” è la mostra personale di Stefano Obino che sarà ospitata fino al 27 gennaio 2013 nella sala degli Archi al Lazzaretto di Cagliari. Il percorso si snoda lungo una collezione di circa cento opere inedite, di cui settanta tra acquerelli, ritratti a matita, chine e venti fotografie dipinte realizzate tra Francia, Polonia e Germania negli ultimi anni. I quaderni di viaggio si ispirano ai carnet de voyage degli esploratori ottocenteschi, tracciando istantanee di luoghi e volti, ma anche creando un iter narrativo che ripercorre le tappe del nostro passato con un allestimento che riproduce atmosfere, suoni e colori delle città attraversate durante il viaggio.

La Storia ha attraversato i luoghi dove lo sguardo dell’autore si è fermato, mentre le matite tracciavano segni e colori sui fogli del taccuino: una storia drammatica come quella della deportazione nazista ha visto Obino fermare il tempo e riportarlo indietro ai momenti della Shoah e della caduta del muro di Berlino, tra il filo spinato di Auschwitz-Birkenau (Oswiecim) e Plazow, tra le rotaie che portavano ai forni ridotti a macerie, gli sguardi smarriti di uomini e donne in improbabili ritratti. Un carnet de voyage intenso, drammatico e ironico che sorride delle ipocondrie moderne e piange di quelle passate.

“Il taglio fortemente artistico e personale del carnet sottolinea l’importanza della voce narrante, si discosta dal coro, e anche laddove affronta tematiche di sapore universale lo fa attraverso un’ottica estremamente legata alla sensibilità dell’artista”, si legge nella presentazione della mostra, realizzata con il contributo del Centro d’arte e cultura Il Lazzaretto (http://www.lazzarettodicagliari.it/), con il patrocinio di Comune di Cagliari e della Provincia di Cagliari, in collaborazione con Cagliari Città Turistica, MEM Mediateca del Mediterraneo, Biblioteca Ragazzi della Provincia di Cagliari, Società Umanitaria – Cineteca Sarda.

“A rendere affascinante il carnet de voyage ai nostri giorni è proprio questo suo differenziarsi dalle modalità di comunicazione contemporanea, generalmente stereotipata e codificata su tipologie predefinite come blog ma soprattutto social network. Spazi angusti, troppo leggeri per vocazione, per poter sviluppare un iter artistico e riflessivo valido”.

In contemporanea con la mostra, saranno organizzati eventi, corsi, laboratori e incontri sul tema del viaggio. In particolare, in vista della Giornata della Memoria, dal 20 al 27 gennaio 2013 saranno organizzati reading e proiezioni per celebrare il triste ricordo della Shoah, della deportazione e delle leggi razziali. Convegni e dibattiti sul tema della deportazione in Italia e Sardegna si svolgeranno grazie al contributo del professor Alfonso Stiglitz del Centro di documentazione “Cosimo Orrù” della Biblioteca Comunale di Milis e del professor Aldo Borghesi.

Orari della mostra:
dal martedì al venerdì orario continuato
dalle 9.00 alle 20.00
Sabato e Domenica
dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00
Dove:
Lazzaretto di Cagliari
Via dei navigatori snc – 09126 Cagliari
Informazioni:
Tel. 070 3838085
lazzaretto2000@tiscali.it

 

Clicca qui per leggere altri libri della sezione Eventi