Bicycle festival

Ode alla bicicletta nei film, nell’arte e nella musica. Dall’11 al 14 ottobre, Milano ospita il “Bicycle Film Festival” (http://www.bicyclefilmfestival.com/), quattro giorni di proiezioni, gare ed esibizioni interamente dedicate agli appassionati delle due ruote. Nato nel 2001 nel Lower East Side, culla della sperimentazione artistica newyorchese, quest’anno il festival tocca 24 città del mondo, unite nel celebrare la diffusione del ciclismo urbano. Nel capoluogo lombardo, l’evento sbarca per la settima volta, portando come sempre una scia di feste, gare, mostre e musica.

I FILM
Ogni anno, la direzione del festival di New York raccoglie in giro per il mondo storie di piccoli e grandi eroi, di uomini e donne che stanno reinventando il ciclismo e le città. Film, ritratti, corse, clip musicali, documentari, storie di epica quotidiana, video-arte: negli anni, il festival ha messo in mostra contributi di artisti come Jonas Mekas, Jorgen Leth, Mike Mills, Spike Jonze e Michel Gondry. Quest’anno, la manifestazione porta a Milano 47 film tra corti e mediometraggi, 47 scorci sulle diverse anime della bici, dal classico ciclismo su strada alle bmx, dalla pista allo scatto fisso urbano e le bici d’epoca. Le proiezioni tornano al Cinema Mexico, istituzione milanese del cinema indipendente, con una ricca storia di ricerca e di attenzione al cinema di qualità.

LA MOSTRA
A poche pedalate dal cinema, grazie alla collaborazione del Comune di Milano, lo Spazio A – ex Ansaldo si trasforma in urban velodrome center che, da venerdì a domenica, ospiterà una serie di eventi pensati per celebrare le due ruote. Tra gli altri, grazie al sostegno del Consolato Olandese dei Paesi Bassi a Milano, la mostra “Senza mani” – curata da Matteo Guarnaccia e realizzata in collaborazione con la Galleria Antonio Colombo – racconta la breve vita dei Provos, ARTivisti, attivi nei primi anni ‘60 ad Amsterdam. Ecologisti ante-litteram, agitatori culturali, situazionisti militanti, non violenti e anti-autoritari, in sella alle loro bici hanno portato avanti una protesta surrealista a base di happening, humour e gusto per l’assurdo.

ESPOSIZIONI
Sempre lo Spazio A – ex Ansaldo ospita anche una serie di esposizioni fotografiche e installazioni ciclistiche. “Dreaming Bike”, realizzato da Ciclica, è un carillon nel quale telai d’eccellenza dondolano delicatamente appesi al soffitto. Dall’unione di dodici fotografi, nasce invece la mostra del gruppo Jacuzzi Photo Group che racconta le ruote interpretate come “angoli circolari”.  Ma, come da tradizione, il “Bicycle Film Festival” è anche musica: in collaborazione con Elita, venerdì 12 ottobre BFF Rock Concert offrirà una serata all’insegna del live con le band Wildmen, The van Houtsen e The Dencer.

 

Clicca qui per leggere altri articoli della sezione Eventi

SHARE
Articolo precedenteChe movimento!
Articolo successivoIl mio viaggio libero